Schiavi per un salario sotto il tacco di Amazon

amazon 1La mia breve storia di lavoratrice per la Amazon ( uno dei loro magazzini ad ovest del Mississippi ) comincia presso il centro di reclutamento che questa compagnia aveva allestito all’interno della locale camera di commercio.
Il volume delle ordinazioni alla Amazon cresce tantissimo andando verso le festività natalizie, tradizionalmente gli ultimi quattro mesi dell’anno Amazon tende ad assumere attraverso le agenzie locali di lavoro interinali, per coprire i turni negli enormi centri di distribuzione dove si impacchettano e si spediscono in giro per il mondo merci e oggetti di ogni tipo.
Il funzionario che accettò la mia domanda di lavoro mi informò sullo stato delle cose, principalmente la sua raccomandazione verteva sul fatto che non avrei dovuto prendere troppo personalmente quanto mi sarebbe accaduto sul luogo di lavoro e che “se davvero” avevo necessità di un impiego avrei fatto bene a lasciare fuori dalla porta tutte le mie aspettative in termini di dignità personale: nei centri di distribuzione Amazon vige un clima militaresco, i supervisori apostrofano i dipendenti con toni della voce sempre troppo alti e animosi, si chiede ai dipendenti sempre e comunque di dare di più, di operare più velocemente e più efficacemente per centrare l’obiettivo.
Ogni nuovo dipendente infatti ha il suo obiettivo, o meglio, quello che l’Azienda si aspetta da lui ed è in funzione un sistema di addizione e di sottrazione di punti il quale rappresenta un indicatore in rispetto alla qualità della prestazione che l’azienda desidera da quel particolare lavoratore, ogni ora, ogni giorno del rapporto di lavoro.
Quello stesso funzionario mi disse anche che, a fronte delle richieste pressanti da parte dei supervisori, io avrei dovuto comunque rispondere che “ci avrei provato” e mai “sto gia dando il massimo” pena il licenziamento immediato. Licenziamento che comunque sarebbe arrivato se non fossi riuscita a centrare il mio obiettivo in tempi ragionevolmente brevi dal momento dell’ assunzione. Ad Amazon è considerato normale un turno di 10 ore di lavoro sui piani in cemento o sulle scale di accesso ai vari livelli e alle diverse aree che costituiscono i capannoni.
La mia precedente esperienza undercover presso un centro di distribuzione per una catena di negozi online in Ohio mi aveva gia messo davanti alle condizioni de-umanizzanti che questo tipo di lavoro impone agli operatori ed alla realizzazione che queste sono lo standard nell’intero settore.
amazon 2L’unico requisito per entrare a lavorare in uno dei centri di distribuzione Amazon è quello di non essere mai stato in prigione, ricordo che il giorno del colloquio di lavoro c’erano altre 6,7 persone insieme a me, trascorremmo la mattinata da un terminale di computer all’altro, rispondendo a domande e a quiz specifici la capacità di leggere da parte degli applicanti e ( ancora e ancora ) la fedina penale pulita, poi domande sui miei precedenti impieghi e sulla mia personalità, come mi sento in rispetto alla possibilità di svolgere “ attività pericolose” – mi cimenterei nell’atto di svolgerle? E con quale attitudine?
Nel mezzo di una delle stanze dove venimmo condotti quel giorno c’era un terminale video il quale, oltre a trasmettere immagini e commenti incessanti sulla natura del lavoro presso i centri di distribuzione Amazon, metteva in guardia i futuri impiegati sui rischi inerenti le false denunce sulle condizioni di lavoro che spesso i lavoratori fanno allo scopo di ottenere cifre di indennizzo da parte di Amazon, bene, se scopri che qualcuno dei tuoi colleghi è intenzionato a fare una cosa del genere e decidi di riportarlo ad un supervisore riceverai un premio di denaro di 500 dollari al termine dei procedimenti contro quel lavoratore!
I programmi software dei computer “esaminano” me e gli altri, la nostra idoneità ad impacchettare merci e ad attaccare etichette adesive per conto di Amazon, le quali merci che compongono gli sterminati cataloghi on line si trovano stoccate in questi enormi capannoni divisi in settori.
La maggior parte del lavoro logistico necessario per far funzionare il sistema di spostamento e distribuzione delle merci viene svolto da altre aziende in sub appalto, parliamo di compagnie molto note come la 3PL o la DHL o la UBS, vere e proprie corporazioni sovranazionali che operano a livello globale nei mercati realizzando miliardi di dollari di fatturato ogni anno.
Indipendentemente da quale gestore delle attività di logistica si occupi dello spostamento e dell’impacchettamento delle merci vendute sulla Rete per conto di Amazon, sarà sempre e invariabilmente un operatore con contratto a termine, soggetto ad un regime di lavoro connotato dalla valutazione costante del rendimento individuale da parte dell’azienda, dalla flessibilità totale sugli orari di lavoro e sulla bassa paga oraria concordata in fase di assunzione a svolgerlo.
Il luogo di lavoro è immenso, freddo, cavernoso, vi è un silenzio insolito in considerazione delle centinaia di altri operatori assorti nell’atto di raccogliere, scegliere, impacchettare o starsene semplicemente in piedi davanti ai nastri trasportatori, i rumori più frequenti quelli di un muletto che passa e va e lo stridio dei rotoli di nastro da pacchi.
Il dispositivo di scansione che ho in dotazione mi rassicura fornendomi in qualsiasi momento le coordinate sulla mia posizione all’interno del complesso labirinto di scaffali e di settori nel quale mi trovo ad operare, per rispondere in tempo alla lista degli ordini che devo evadere oggi mi ritrovo persino a contare il numero dei passi che mi separano dal luogo di raccolta di ogni singolo oggetto: Settore Dallas, area gialla, fila 34, scaffale 22, livello D, ecco in questa esatta locazione troverò le coperte da lettura, di quelle che vendono quasi esclusivamente on line, da indossare la sera per leggere….poi ancora coordinate del tipo specificate sopra….pillole per migliorare la libido….carta igienica…..attrezzi da cucina…..calendario del nuovo anno….custodia per fucile da caccia……avanti di questo passo finirò di certo che non centro il mio obiettivo!
amazon 3Tra le mille cose che possono accadermi e rovinare la qualità della mia prestazione c’e’ sicuramente il sopra citato dispositivo scanner, il quale è di enorme aiuto per capire dove mi trovo, ma a volte non sembra condurmi alla locazione delle merce che devo trovare, magari mi ritrovo a dover puntare il dispositivo su decine di articoli sul medesimo scaffale nella speranza che il suo occhio digitale riesca a carpire il codice a barre desiderato e questo mi fa perdere preziosi minuti….tra l’altro, il mio supervisore mi dice che questa settimana per noi nuovi arrivati l’obiettivo è fissato come minimo al 75% delle aspettative, se non riusciamo a centrare almeno in quello dovremo subire una seduta formativa la quale consiste nelle solite domande retoriche: perchè non riesci ad ottenere i punti necessari al tuo obiettivo? Devi riuscire a farcela!
L’agenzia di lavoro temporanea attraverso la quale sono approdata in questo posto, per questa settimana, ha assunto un numero sufficiente di operatori calcolato in base al numero di ordini da evadere ammesso che tutti noi lavoriamo a pieno regime, riuscendo cioè a centrare i nostri obiettivi in termini di rendimento.
Posti come questo fanno uso di staff con contratto a termine per tutto l’anno, la paga oraria di tutti noi è di un terzo più bassa del personale impiegato in pianta stabile, ho conosciuto dei “temporanei” che sono rimasti in tale posizione per anni!
E’ una continua corsa, per massimizzare i profitti occorrono operatori svelti, capaci, decisi a non mollare e che non si lasciano demoralizzare dal sistema a punti che grava sulle loro teste, più operatori centrano il proprio obiettivo, meno operatori servono per evadere gli ordini giornalieri, maggiori margini di guadagno per l’agenzia interinale di impiego, l’equazione è semplice.
Tutti quanti sono in fibrillazione di fronte alla prospettiva della fruizione di almeno due pause giornaliere, oltre a quella pranzo, di 15 minuti ciascuna distribuite nell’arco delle dieci ore, anche queste previste dal contratto sottoscritto giorni prima in fase di colloquio. Quando arriva il momento di posare tutto e di avviarsi verso le aree adibite alla sosta, ci si avvia verso i metal detectors davanti ai quali si forma regolarmente una fila che rosicchia i preziosi minuti di sosta, non sarà necessario ripassare da sotto il medesimo apparato al rientro dalla pausa, il timore è che qualcuno degli operatori maggiormente affranti dai ritmi e dalle condizioni di lavoro subite, per non dire del compenso percepito, possa improvvisare il furto di una Xbox 360…se non veniamo fermati per la perquisizione si tratterà di trovare un posto libero tra le file di panche e di tavoli che arredano l’area sosta, di usare il bagno per la quale operazione si perdono nuovamente preziosi minuti, magari di mangiare qualcosa…poi, altrettanto rapidamente ci riavviamo verso i rispettivi settori di lavoro consapevoli del fatto che, trascorsi i quindici minuti di sosta, gli obiettivi fissati su ogni uno di noi prevedono che si riprenda istantaneamente il lavoro, dispositivo di scansione alla mano.
Gli scambi verbali tra operatori sono di tipo fugace e monosillabico, benchè ciò non sia proibito non c’e’ tempo per parlare, dobbiamo solo lavorare.
amazon 5E’ stato estimato che gli operatori che svolgono l’azione di cercare e raccogliere le merci nei capannoni di Amazon percorrano, a passo svelto, almeno 18 km al giorno sui freddi impiantiti di cemento che si diramano al loro interno, il formicolio e la pesantezza delle gambe alla fine di ogni turno sembrano confermare tale dato.
Le merci più in voga nei reparti dove sono stata assegnata sono gli accessori per iPad e i vibratori, forse ricordo con particolare vividezza questi oggetti per via della loro collocazione i primi, nella parte più alta delle scaffalature, dove occorre letteralmente arrampicarsi e giù a basso, praticamente a terra i secondi, per raccogliere i quali occorre abbassarsi e piegarsi, decine e decine di volte ogni turno; verrebbe da pensare, in termini di pura scienza ergonomica, chi è l’esperto, chi il responsabile della sicurezza sul lavoro, che ha dato il nullaosta a questo tipo di impianti…
Tutti gli oggetti personali in possesso del lavoratore all’ingresso in turno devono essere lasciati fuori dai piani, possiamo avere addosso soltanto i vestiti che indossiamo, pena la requisizione degli oggetti da parte dei supervisori.
La pausa pranzo è della durata di 29 minuti e 59 secondi incluso il tempo che occorre negli spostamenti tra le varie aree, l’eventuale uso del bagno e il passaggio sotto il metal detector, il risultato derivante da tale politica comprende l’ingestione dell’ultimo boccone del pranzo consumato quando già in linea per la ripresa delle attività lavorative. Se si arriva in ritardo scatta la decurtazione dei punti.
Il particolare capannone dove lavoro si trova in una area rurale che non offre niente a chi, come me, decide di non trascorrere troppo tempo tra un turno e l’altro a viaggiare a casa come fanno i pendolari, molti lavoratori ritengono che questa collocazione non sia un caso, il popolo degli operatori in subappalto che prestano la propria forza lavoro ad Amazon si trovano immersi in maniera totale nell’esperienza di impiego presso questo gigante del mercato on line.

La cultura che sin dalle prime ore di rapporto con questo datore di lavoro viene instillata alle persone è la medesima di quelle adottate da tutte le grandi corporazioni ( McDonalds, CocaCola, Walmart ): non siamo così intensamente rigidi perché lo vogliamo noi, sono i nostri clienti ad imporcelo! Una buona relazione con i clienti che ordinano i propri acquisti via Amazon è elemento cruciale per la crescita dell’azienda, la quale crescita è la chiave per il mantenimento dei prezzi bassi sulle merci in vendita, la quale cosa è strumentale al consolidamento delle relazioni Azienda/clienti, non si discute. Ad Amazon non c’e’ spazio per l’inefficenza, è per questo che il sistema dei punti viene così aspramente implementato, senza eccezioni.
amazon 4

Alla fine della mia esperienza come “raccoglitrice” nei ranghi della Amalgamated Product Giant Shipping Worldwide Inc ( si tratta di uno pseudonimo scelto dall’autrice del report per non esporre le persone coinvolte ad attenzioni non sollecitate di alcun tipo n.d.r. ) per conto della Amazon, prendo atto di avere raggiunto soltanto il 52% delle aspettative aziendali poggiate su di me, questo accade dopo la prima settimana nel corso della quale mi è stato ripetuto che sono “davvero una cattiva lavoratrice” da diversi supervisori, alcuni dei quali tentano il loro meglio nell’instaurare un rapporto fondato sulla stima reciproca con i lavoratori senza tuttavia riuscire a farcela a causa del loro ruolo nel sistema che governa le prestazioni sui piani. Uno dei miei errori “più gravi” è stato quello di avere impacchettato due stessi oggetti nel medesimo scatolone. Quello meno grave, ma che comunque ha comportato una costante ed inesorabile decurtazione di punti, quello di fermarmi troppo spesso a prendere fiato, a massaggiarmi i piedi e le gambe per sconfiggere il formicolio durante i turni di lavoro.

I miei ex colleghi non godono del lusso di trovarsi in questo posto come agenti undercover con finalità quella di scrivere una storia, la mia vera professione, quella di giornalista, mi ha consentito di affrontare con un discreto grado di serenità questa spaventosa esperienza nella consapevolezza che venire licenziata non avrebbe prodotto in me alcun tipo di rammarico o di preoccupazione.

Il mio pensiero va, inevitabilmente, a coloro i quali dipendono economicamente da questo tipo di impieghi, da queste agenzie di lavoro interinali,  a coloro che sono ostaggio delle corporazioni e del sistema che ne governa le dinamiche interne, quei sistemi di organizzazione e di divisione dei compiti che nullificano le persone, che annientano la loro integrità e dignità umane.
Come faccio a dimenticare una collega cinquantenne che durante una pausa ha cercato di confortarmi consigliandomi di auto somministrarmi 800 milligrammi del farmaco Advil ogni giorno per gestire la meglio l’indolenzimento alle spalle e l’intorpidimento agli arti dovuti al tipo di prestazione che Amazon richiede ai propri lavoratori?

Nell’anno 2015 Amazon si aspetta di crescere del 10% nel volume di affari e di continuare a farlo ogni anno a seguire, consolidando così la sua posizione di dominio sul mercato delle vendite su Internet. Nel 2015 l’obiettivo di Amazon è quello di raggiungere un fatturato di 279 miliardi di dollari e di espandere i propri punti di distribuzione oltre gli esistenti 69 impianti, 17 dei quali sono sorti soltanto dal 2011 ad oggi.

La prossima volta che decidiamo di acquistare un libro da Amazon perché otteniamo un servizio rapido e conveniente pensiamo a questi dati e alle persone di questa storia.

Storie simili a questa sono state documentate anche in Europa, nei punti di distribuzione della catena Amazon in Germania e in Francia.

Grazie a Mother Jones per la storia la quale in versione integrale può venire letta qui.

Materiale liberamente tradotto e ri-narrato da The Droid.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...