Underground ?

Ci si promuove come si puo’ e come si riesce a fare.

Da queste parti si parla di UNDERGROUND e si organizzano eventi rifacendosi al discorso concettuale della produzione artistica e del cosiddetto intrattenimento alternativo, quello la quale motivazione non dovrebbe essere la notorietà, il denaro o il sentirsi dei fighi, ma l’affermazione duìi una idea, di un modus operandi, di un’essenza controculturale votata alla di rottura col presente, con lo status quo che omologa e che rimastica, sputandocele diritte in faccia, tutte le  idee e gli atteggiamenti che dal basso ( underground? ) si fanno spazio sgomitando in un panorama viziato da pratiche di natura mercantile e dagli ingannevoli contenuti, col cosiddetto MusicBiz,  fedele partner e accessorio collaudato del sistema capitalistico globale che ci opprime.

In un certo ambiente “underground” in tanti, in troppi, non sanno quello che fanno, non sanno cosa vogliono, si adattano e si accontentano. Pedine al servizio di un padrone.

 

IMG_20170924_172140

Un particolare angolo, abbastanza connotato, del nostro studio

Ci si sbatte per collegare un determinato tipo di pensiero e una modalità di passare all’atto artistico e organizzativo il quale  trascende le modalità operative accettate, lo spazio connotato, il club, la situazione pubblica pulita, sicura, comprensibile a tutti, l’adulterazione dei messaggi e delle sonorità che definiscono la musica Techno, quella veramente underground, quella che da sempre viene presentata dai grandi media come la pecorella nera dei generi musicali, la musica dei drogati e dei fuori di senno, una musica così connotata dalla volontà di sovvertire l’ordine delle cose che non propone neanche canzoni, ma tracce, attraversamenti, sottrazioni, una musica che propone un clima di incertezza e di possibilità.

IMG_20170924_172024

E e migliaia di vinili di così detti whitelabels, edizioni limitate a nostra disposizione, una miniera inesauribile di suoni e di idee per costruire i nostri set

Il nostro modo di lavorare coi suoni l’ abbiamo imparato dai grandissimi della prima scena rave europea,  personaggi come The Future Sound Of London, Jeff Mills ( suo periodo berlinese ), David Holmes, Terry Francis, Cari Lekebusch, The Black Dog, The Apex Twin attivarsi dinamicamente e con tremendo impeto, con determinazione intorno alle loro console, all’hardware che in quel momento diviene estensione della loro stessa persona, quale unico  veicolo di espressione di inquietudini, di quel desiderio di evasione, di quell’urgente necessità di rifondazione della realtà.

Questi producers sono degli illuminati.

IMG_20170924_172113

…e poi i CD, merce rara quelli nelle nostre teche, le musicassette, quale fonte migliore di ispirazione ?

Lo spettacolo qui non c’entra niente, è l’evento, il fatto, la presenza fisica e sonora nello spazio, una presenza che inonda e che pervade, che solleva e che impone una presa di coscienza, una riflessione sulla nostra vita e sui punti fermi che credevamo la sostenessero.
Disponiamo di una collezione infinita di vinili, musicassette, minidisc, cd e file digitali accumulate in tre decenni di attività, materiale che amiamo manipolare, sovrapporre, distorcere in studio, ecco le nostre tracce, nessuno altro ce le ha, e’ un calderone di toni e di sonorità digitali che non finiscono mai di offrire un ennesimo margine di re-invenzione all’operatore.

IMG_20170924_172201

Non prepariamo mai i nostri DJ set, dipende da chi c’e’, da come ci si sente, dall’atmosfera che si respira, da chi suona con noi….difficilmente lasciamo una singola traccia scorrere per piu’ di due tre minuti, il fluire delle sensazioni innescate dal sound, , in tempo reale, detta noi i tempi, i tagli, la compressione, gli effetti  da applicare, l’atmosfera determina l’esito finale che straripa dalle casse, che ci colpisce, che ci da ulteriore spunto.

Unico protagonista: il contesto. Non il DJ, non gli organizzatori, e nemmeno il numero delle persone presenti, e’ il contesto, il contesto che crea.

 

IMG_20170924_172230

Chi si ricorda dei minidisc e del tipo di suono caldo, molto simile a quello del vinile, che questa particolare modalità di registrazione digitale produce?

Trascorriamo tanto tempo in studio ad ascoltare vecchie tracce, a registrarle e a etichettarle, a digitalizzarle rendendole gestibili e rintracciabili nel marasma del nostro Mac, plasmabili dal software in uso, ce le ritroviamo sotto gli occhi quando servono veramente.

Non e’ mai un caso.

IMG_20170924_172658

Il nostro stile e’ quello di lasciare accadere le cose, la programmazione, la preparazione formale alla performance  inficia il senso di cio’ che stiamo facendo, cavalcando e imbrigliando la creatività, assoggettandone l’essenza al già sentito, al già fatto, alla noia mortale che invece vogliamo combattere, estirpare.

Ecco perché crediamo, come il buon Pade di Karontek sostiene, che “noi” siamo differenti, che facciamo quello che facciamo non soltanto per noi stessi, per l’amore della scena, perché’ vorremmo si consolidasse e divenisse maggiormente florida, lo facciamo per nutrire ( ainoi ) l’illusione che con tali agiti si riesca davvero ad arrivare alla gente, a far smuovere dal torpore della normalità quelli tra loro che hanno capito che aderire ai canoni di questa società malata ci spegne lentamente, ci trasforma in animali sociali docili e obbedienti, ci contamina e ci costringe a vivere una esistenza incompleta.

In questo senso la musica Techno e’ antidoto, e’ trattamento riabilitativo ad esistere, ad evolvere, a rappresentare e rappresentarci criticamente quello che la realtà ci sbatte contro ogni giorno, a mettere in discussione cio’ che altrimenti è ( e continuerà ad essere ) soltanto un inganno, una ripetizione, un eterno divenire che conduce a….niente.

Ci piace pensare di essere liberi e selvaggi, ma forse è soltanto presunzione.

Forse.

by The Droid

our latest effort here

21908621_1922138791442039_84743535_o

Annunci

giornata mondiale per la fine dello SPECISMO

Sabato 16 Settembre 2017 si e’ tenuta a Roma una manifestazione per condannare senza riserve lo Specismo , dispositivo ideologico che giustifica la supremazia e il dominio umano su tutto il resto del mondo vivente.

Diverse centinaia di persone hanno cercato di coinvolgere i numerosi passanti, curiosi e turisti che transitavano nei pressi del  Pantheon ad una riflessione collettiva sulla necessità impellente di porre fine ad ogni tipo di discriminazione e di violenza seriale contro coloro i quali non sono nella posizione di potersi difendere e di affermare il proprio inalienabile diritto naturale a vivere in pace una esistenza qualitativamente apprezzabile e degna di essere definita tale.

Tra tutti, gli altri animali, ma anche le categorie di persone umane che nella storia hanno subito vessazioni, discriminazioni, sterminio.

Ed e’ proprio il chiaro riferimento delle scenografie e dei contenuti espressi dagli oratori che si sono avvicendati prendendo la parola in piazza ad una consapevolezza che la matrice dello Specismo richiede una trasversalità della lotta contro tale abietta ideologia antropocentrica, la quale  guasta i rapporti inter ed intra specifici, che ha maggiormente colpito e commosso tutti i presenti a questo straordinario evento.

 

21682526_1511212398942855_1179056268_o

Per noi che c’eravamo è stata una esperienza intensa e dalle incontrovertibili testimonianze, dalle narrazioni di insegnanti, attivisti, dalle poesie dei bambini di una scuola romana, dalle rappresentazioni a metà tra la poesia e il teatro, dai racconti di chi ha sviluppato una coscienza ed una sensibilità  verso i più’ deboli tra ex imprenditori dell’industria alimentare e professionisti dei mass media, dai riferimenti culturali espressi da altri che hanno preso la parola esponendo la propria posizione morale e politica ingaggiando in illuminanti citazioni di  grandi  pensatori contemporanei e non, da Bentham a Lacan, da Foucault a Derrida

21706513_1511220385608723_550061733_o.jpg

BASTA allevamenti, bio ricerca, mattatoi, BASTA divertimento e intrattenimento nei circhi, negli zoo, nei delfini, Basta indossare pelo, pelli, piume, pellicce, BASTA corrida, palio, sagre paesane dove si scherniscono, si violano si torturano animali inermi, ma BASTA anche a ogni modello di consumismo sfrenato, BASTA  militarismo, imperialismo,  guerre e sfruttamento economico dei paesi più’ poveri, BASTA discriminazioni e aggressioni contro chi tra noi appare diverso per il colore della propria pelle, per il proprio orientamento sessuale, per le idee politiche che professa, BASTA col patriarcato e con l’oppressione di genere, BASTA con una cultura irresponsabile e becera che desidera sfornare cittadini tutti ugualmente docili e ossequiosi, incapaci di formare un proprio pensiero e di criticare questo sistema di dominio, BASTA con un modello organizzativo che esclude la possibilità di impostare la nostra vita in accordo coi nostri reali bisogni, BASTA con la competizione e l’odio. In due parole: BASTA SPECISMO.

21706565_1511220985608663_789824891_o.jpg

QUI l’evento Facebook dove si possono vedere tutte le immagini della giornata e i video degli interventi postati in tempo reale QUI il testo dell’intervento di Marco Maurizi, uno dei più’ importanti filosofi antispecisti, un discorso, il suo, di inequivocabile impatto e spessore.

21684491_1511221402275288_1718534873_o

Tutte le foto di quest Blog sono state scattate da G.ESSE

” …vennero a prendere gli ebrei per caricarli sui vagoni e portarli verso i campi di concentramento, ed io non feci nulla per impedirlo perché’ mi stanno un po’ antipatici, vennero a prendere gli omosessuali, ed io non li difesi perché non li sopporto, vennero a prendere i comunisti ed io stetti li a guardare perché non condivido le loro idee politiche, poi toccò a me….e nessuno fece niente per me perché non c’era rimasto più’ nessuno capace di opporsi ad un sistema che  ci vuole tutti uniformi e svuotati della nostra propria soggettività….”

Animali che muoiono

Riflessioni semplici sul fardello che ci portiamo addosso ogni giorno e sulle illusioni nelle quali investiamo per accordarci un primato, quello della straordinarietà in relazione alle altre specie che solcano la terra e al mondo vivente che ci contiene, ci abbraccia e ci accompagna verso la fine a tutti, indistintamente.

Le righe che seguono sono estratte da un capitolo del saggio cani di paglia del filosofo inglese John Gray, un libro che ci mostra cosa sarebbe la nostra vita senza la distrazione delle consolazioni.

iu

Noi pensiamo di essere diversi dagli altri animali perché’ possiamo concepire l’idea della nostra morte, anche se non ne sappiamo più’ di loro riguardo a ciò che essa porta.

Tutto ci dice che la morte significa estinzione, ma non riusciamo nemmeno ad immaginare cosa questo significhi.

La verita’ e’ che noi non temiamo il passare del tempo perché sappiamo di morire.

Noi temiamo la morte perché non accettiamo il passare del tempo.

Se gli altri animali non temono la morte come noi, non è perché noi sappiamo qualcosa che loro non sanno. E’ perché essi non sono oppressi dal tempo-

Pensiamo al suicidio come ad un privilegio esclusivamente umano. Non riusciamo a vedere quanto siano simili le maniere in cui per tanto tempo uomini e animali si sono dati la morte.

( confrontati da ) malattie gravi che accompagnavano la vecchiaia gli uomini e le donne fino ad un secolo fa assumevano una dose di oppiacei tanto potente da farli addormentare per sempre, talvolta consapevolmente ma spesso per un impulso istintivo, non diverso da quello che guida un gatto quando cerca un posto tranquillo per morire.

Quando l’umanita’ è diventata più’ morale ha allontanato da se queste morti. I greci e i romani preferivano la morte ad una vita senza valore. Oggi abbiamo fatto della scelta un feticcio, ma scegliere di morire è vietato. Forse ciò’ che distingue gli umani dagli altri animali è di avere imparato ad abbarbicarsi in maniera più abbietta alla vita.

Se considero attentamente la vita che un uomo conduce, non vi trovo nulla che possa distinguerla da quella che conduce un animale. Entrambi, uomo e animale, sono gettati a loro insaputa nel mondo e tra le cose, entrambi hanno delle pause di divertimento, entrambi seguono giornalmente lo stesso itinerario organico, entrambi non pensano nulla al di fuori di ciò che pensano ne vivono nulla al di fuori di ciò che vivono. Un gatto si crogiola al sole e va a dormire. l’uomo si crogiola nella vita, con tutte le sue difficoltà, e va a dormire. Nessuno sfugge alla legge fatale di essere chi o che cosa è.

Bernardo Soares

….Vi sono verità che non possono essere pronunciate se non come finzioni letterarie….

 

Cani di paglia è edito in Italia da Ponte alle Grazie

N.A.T.O. ( no more )

NO N.A.T.O. con vista

NO N.A.T.O. con vista

La finestra

La finestra

Rompere la rete....

Rompere la rete….

Il ruscello ( Finale Ligure )

Il ruscello ( Finale Ligure )

18901544_1411375035593259_1991721699_o

Il mio bagno

Rompere la rete (2)

Rompere la rete (2)

18927039_1411379818926114_972869443_o

Gatto nero

This is a video and picture report on an extraordinary event we took part in which happened in West Northern Italy at the beginning of June 2017. The sound on the video clips is by DUB TOWN SOUNDSYSTEM.

Riprese e immagini by GLS

“VEGin LOVin” TECHNOTERRA @ Nero & Aroma ( GR )

vegin-lovin-locandina

 Nero & Aroma in collaborazione con noi e con CHEF TOSCANO offrono un buffet vegan condito da 5 ore non stop di musica House londinese. Comincia alle ore 19,00 in via Repubblica Dominicana a Grosseto VENERDI’ 7 Ottobre 2016, arriva presto per evitare di trovare vuoti i vassoi dello straordinario cibo preparato da Massi e Yosuef.

EVENTO FACEBOOK

chef-toscano-event-image

@ Pratomagno ( AR ) 2016

more videos on the night  HERE and HERE

14316712_10208174658297984_1799878295134410342_n

Il Sound nelle fasi finali della sua composizione, il posto una piana circondata dagli abeti a 1200 metri sul livello del mare, nottata memorabile con Murderess clown party, Dubtown Sound System & Animation Tribe, No Politic, Brakeless