Royston Blake Vs The DubWaiser

alfuomo

Dal vivo TECHNOTERRA SOUNDSYSTEM resident RoystoN BlakE ( EDM a 360 gradi ) passa il testimone sonoro al DUBWAISER ( tekno, raggatek ) and his very own DUBTOWN SOUNDSYSTEM raggaTEK offers

-over one hour and a half of free partying A C T I O N ! ! Roccastrada, Grosseto, Italy.

follow us :: https://technoterrasoundsystem.wordpress.com
and/or find our mixes on line on a variety of portals, including’ the best of them all ever, a real DJ Social Network, revamped and relaunched
eDEEJAY.com

– check our weekly mon/wed/fri WEB radio show here :
http://www.afterhoursdjs.org -on at 2PM EST // 8PM CET

and/or DownloaD the APP for the station on Android powered handle devices https://play.google.com/store/apps/details?id=org….
so to listen on the fly as one pleases a “few bars” of electronic dance music…of the U
ndergrounD type Smile E.N.J.O.Y the blends, live raw its direct Happy

As some pretty weird characters dwell in and around our floors, at circa 48 minutes into the session an incredibly drunk girl pushed me off the console and decided to throw in a few loops, improvising the whole thing by the end result! The whole thing sounds disconnected to us, but,as we are fond of maintaining authenticity and variety in human behaviour we decided not to edit those attempts by Gaia ( yes, thats the young raver name ) off the miX. It does sound like you’re in there with us. Thanks for your support if u like it Hard, if you enjoy the techno Happy

Annunci

U a Dj uh??

702-djset.logo_

Non so tu cosa ne pensi, ma personalmente adoro scaricare e ascoltare con modalità ossessive le sequenze missate dei DJ che seguo.

Posso farlo ogni volta che la situazione lo richiede piuttosto che andare a pescare singolarmente dalla mia sconfinata collezione di vinili e files .mp3 le tracce che desidero sentire in un dato momento.

Con le sequenze missate è possibile premere “play” e godersi lunghe, continuative tracce costituite da brani diversi e restituiti in un unica lunga sessione la quale può durare dai 30 minuti alle 8 ore.

Le sequenze missate ( o complete DJ sets ) consentono all’ascoltatore di scoprire nuove tracce ogni volta e di rivalutare quelle più vecchie le quali magari non si sentivano da troppo tempo.

Il Dj è colui/colei che miscela le tracce l’una sull’altra appellandosi alla propria creatività e al proprio senso del sublime.

Il DJ è la persona che crea il set o il mix, l’artefice di questi viaggi sonori è quasi sempre anche colui/colei che cura la distribuzione in Rete del lavoro completato e la sua condivisione tra le persone che riescono ad apprezzare tali sforzi creativi. Questo è uno degli altri importanti motivi che rendono le sequenze missate così cruciali per l’affermazione di particolari stili o generi musicali. In questo modo i DJ riescono anche ad auto promuovere i propri lavori e a farsi conoscere sia a livello locale che globalmente dal maggior numero di persone possibile.

Gran parte dei DJ set disponibili in download su Internet offrono indicazioni utili al fine di identificare le singole tracce contenute nella sequenza, così vengono promossi gli artisti e le etichette indipendenti da loro animate autori originali dei pezzi. Attraverso questa dinamica il loro lavoro di produzione può venire valorizzato al meglio e derivare degli introiti economici consentendo loro di continuare ad impegnarsi in studio.

Sostenere coi propri click questo sistema di diffusione della musica non costa assolutamente niente ai fruitori e questo rappresenta un valore aggiunto particolarmente apprezzabile per costoro.

dj-set-logo-general_01Dal più affermato e noto DJ fino al più amatoriale tra loro la produzione periodica di sequenze missate rappresenta potenzialmente l’accesso ad opportunità nuove così da poter suonare dal vivo in clubs e feste, la possibilità di far arrivare il proprio materiale sempre ad un maggior numero di  affiliati e, non ultima, l’occasione di potersi riascoltare in modo di migliorare le proprie abilità e raffinare l’estro creativo impiegato dietro alla console.

Chi scrive è grande abbastanza per ricordarsi dell’estenuante opera di diffusione dei suoi mix attraverso l’ausilio di musicassette autoprodotte prima, di CD masterizzati poi e, in tempi ancora recenti, ai podcast, alla diffusione di materiale attraverso piattaforme come P2P e le Web Radio.

Se la stragrande maggioranza dei DJ’s non fossero degli incurabili egocentrici, pieni soltanto di loro stessi, che si fanno tosti “semplicemente” passando la musica scritta e prodotta da qualcun’altro meriterebbero persino una qualche incondizionata forma di rispetto.

12400819_432040170327015_8716745802488221198_n

Grazie a  Ezine  per alcuni contenuti e per l’ispirazione.

PTT