Archivi tag: Rave

Alle prese con la Chimica …

omero e aliceUna notizia che fa sorridere da Amburgo, nel distretto di Handeloh un gruppo composto da 29 omeopati ha fatto una esperienza “altra” rispetto alle aspettative poste nel convegno di medicina alternativa il quale avevano organizzato, il gruppo si è autosomministrato una sostanza psicotropica, illegale in Germania dallo scorso anno, i quali effetti combinano stati di euforia ( tipici della MDMA ) con allucinazioni simili a quelle prodotte da esperienze sensoriali ottenute attraverso l’ LSD.

psico bollicineIl nome della sostanza? 2C-E.

Il sistema attraverso il quale il gruppo è entrato in contatto con tale sostanza non è stato reso noto.

Di fatto i tutti e 29 i partecipanti al simposio hanno dovuto ricevere attenzioni da almeno 150 operatori del pronto soccorso i quali hanno trovato i “ricercatori” che  procedevano a tastoni in maniera instabile, si rotolovano in terra, ripetevano frasi senza senso e sottoposti ad attacchi acuti di crampi in diverse parti dei loro corpi.

Sembra che l’intensità degli effetti del 2C-E, anche nota con il nome Aquarust in Germania e considerata droga di tipo CLASS A nel Regno Unito, dipendano dalla quantità di sostanza ingerita. Nessuna tra le persone che hanno ricevuto attenzioni mediche risulta avere sofferto di danni psico fisici di tipo permanente, ma tutti loro sono stati trattati con potenti sedativi.

hands off them pills!…Non si è stati in grado di interagire proficuamente con  i 29 “viaggiatori” fino a che la loro capacità di ragionare non è tornata ad essere coerentemente ancorata alla realtà…

E’ stato in seguito rivelato che le persone componenti il gruppo protagonista di questa curiosa vicenda stavano sperimentando su se stessi la sostanza con la finalità di scoprirne eventuali proprietà medicamentose.

Un “dosaggio” multiplo che ricorda in tutto e per tutto le prime esperienze psichedeliche dei ricercatori nei laboratori chimici e nei salotti Svizzeri agli albori della scoperta di quelle sostanze psicoattive che dettero impeto dagli anni sessanta alla rivoluzione contro culturale ancora in atto, un sommovimento legato ai moderni modelli di trasgressione ai precetti cristiano tecnocratici dominanti nel mondo occidentale e al senso, in termini di una sua colorita interpretazione, che le generazioni più intraprendenti riescono ancora oggi a sapergli assegnare in sitauzioni di godimento collettivo.

The Droid

Annunci

TECHNO Vs TEKNO: la sovrapposizione necessaria

Max Headroom
Max Headroom’s Network 23 : a broadcast signal intrusion
lost in a cloud of smoke
Lost in a cloud of smoke. Is that all there is to it? We don’t think so.
LOVE is the message
LOVE is the message (…)

Tekno è generalmente il nome dato alla musica che si suona principalmente, ma non necessariamente, nelle feste che non prevedono un biglietto di ingresso .

La differenza tra Tekno e Techno è nata per distinguere i due generi musicali. La Tekno infatti è più veloce, dai 170 ai 200 bpm ed è caratterizzata da un basso pulsante e ripetitivo (kick drum).

La storia della Tekno ha inizio assieme allo sviluppo dei teknival nei primi anni ’90, nello stesso periodo i DJ con tali riferimenti culturali iniziarono a produrre questo genere musicale.

La Tekno emana ed è influenzata da molti sub-generi della musica elettronica come l’Hardcore, il Rave, il Jungle, il Gabber e il Techno dal quale tutti loro derivano, almeno secondo chi scrive.

Nella classica stesura tekno particolare enfasi al momento della produzione è posta sui frammenti e sui campioni ottenuti da spot commerciali in TV e dai film, i quali vengono inseriti con una modalità precisa all’interno delle tracce musicali così da arricchirne  contenuti e spettro evocativo.

La Tekno è prodotta con tutto ciò che è disponibile: drum machines, sintetizzatori e tastiere, i software favoriti sono Cubase, Fruity Loops, Reason, Logic Pro, per i più esigenti, Pro Tools tra gli altri.

Con il progredire della portabilità dei computer stiamo assistendo ad un massiccio impiego di Laptops da parte dei produttori e dei DJ più virtuosi i quali si affidano alla capacità di connettività MIDI di questi dispositivi i quali possono integrare e riprodurre il suono di qualsiasi strumento musicale esistente se utilizzati, appunto, con il software giusto.

I primi produttori di Tekno sono originari di paesi quali Inghilterra, Olanda, Francia, Repubblica Ceca, ma anche lItalia e dobbiamo a loro la nascita di un vero e proprio movimento che travalica i rispettivi confini nazionali dei paesi conosciuto con vari nomi come Hardtek, Tribetek, Teknotribe, Frenchcore e altri.

Alcuni dei nomi più conosciuti del panorama Tekno storico e contemporaneo sono Crystal Distortion, 69db, FKY, Jack Acid, Spukkin Faces, Les Boucles Etranges, Yale, Ixy, Psychospores, Curley, Sensory Overload, Maissouille, Billx,Keja, K-plan, Guigoo, MSD, Osmik, FKY, Floxytek, Harry Potard, Datek, Moge,  Metek,  Oqp, Heretike e naturalmente  Spiral Tribe.

L’etichetta discografica Network 23 degli Spiral Tribe,i quali sono considerati i padrini spirituali del movimento, è senz’altro la più significativa ed influente impresa che ha permesso all’intero movimento di guadagnarsi una notorietà planetaria e una agibilità in termini logistici nell’organizzazione di tour permanenti e di festival in tutta Europa in particolare nel corso degli anni novanta.

Altre etichette includevano Hokus Pokus, Passe Muraille, Perce Oreille e Foxtanz.

La matrice underground ( vale a dire non incline al compromesso commerciale a scapito dei contenuti espressi ) del movimento fa si che gli artisti non siano alla ricerca di fama o di vantaggio finanziario, è uso comune tra loro confondersi dietro diversi pseudonimi e nicknames come comunemente produrre i vinili attraverso etichette discografiche diverse.

La Filosofia del movimento non è quella motivata dalla ricerca di un profitto o di un successo quanto la trasmissione di un messaggio libertario che incarna e consolida valori quali l’inclusione sociale e la resistenza attiva verso  capitalismo e  società dei consumi  massificata.

forces of oppression
…YOU MIGHT STOP THE PARTY BUT YOU CAN’T STOP THE FUTURE…

In senso lato Tekno è anche il nome di una subcultura caratterizzata oltre che dalle feste, anche da produzioni musicali connotate sia nel design che nella forma, pittura, mostre e altre manifestazioni che si pongono in maniera antagonista all’esistente ( famiglia, scuola, lavoro ).

Il consumo di stupefacenti, principalmente di psichedelici, empatogeni e stimolanti ( mdma, lsd, ketamina, speed ) è comune e spesso distruttivo così come lo fu per i movimenti degli anni sessanta e settanta dove l’abuso di droghe pesanti come l’eroina fù strumentale per lo svuotamento dei contenuti politici di rottura che quelle generazioni di ribelli esprimevano allora.

L’evoluzione continua delle tecnologie e delle sue applicazioni in ambito di produzione musicale contemporanea e l’accessibilità alla know-how per quanto riguarda il loro utilizzo, anche da casa, senza bisogno di disporre di onerosi studi di registrazione professionali, fa si che dal TECHNO continuino a derivare sempre più generi a loro volta distinti da sub generi e che la cultura che questa straordinaria musica anima e promuove continui a muoversi con moto  trasversale, investendo in maniera sostanziale segmenti della società e della civiltà umana che soltanto a prima vista sembrerebbero immuni dalla risultante  contaminazione socio-culturale.

Chi scrive NON è assolutamente daccordo che la musica TECHNO nella sua declinazione – “CH” contro quella “K” – venga associata con leggerezza al vacuo mondo delle discoteche esclusive, dei privee con accessoria politica restrittiva all’ingresso, all’edonismo idiotico e spensierato di certi ambienti, ad una monocultura appiattita sul modello mercantile e proto-fascista.

L’approccio commerciale che solo apparentemente la distingue dalla Tekno è evidentemente il frutto di un processo di assorbimento da parte del Capitale così come la medesima dinamica appropriante è osservabile per QUALSIASI prodotto o servizio che trovi una sua collocazione ed uso, appunto nella società dei consumi.

E’ soltanto una questione di tempo prima che la stessa cosa accada al Tekno.

Forse stiamo già vivendo questa fase di riflusso senza accorgercene. 3140Nella società umana dominata dal motivo economico e dallo strapotere di pochi conglomerati commerciali ( il forte sul debole in una equazione senza fine e senza alcuna morale ) che assegnano un valore monetario a tutto e a tutti non c’e’ scampo?

…o piuttosto stà a noi, attivisti, DJ’s, fruitori, produttori musicali, promoters, persone consapevoli ad utilizzare al meglio ciò che ci è disponibile a partire da quelle che fino a qualche anno fa venivano definite le nuove tecnologie per provocare un corto circuito nel Sistema che sovrasta, condiziona e opprime ( o più semplicemente : che governa ) la nostra quotidianità a vantaggio della nostra personale, se vogliamo idealistica, comunque carica da un punto di vista ideologico, visione di società liberata dall’influenza meschina e mortifera delle istituzioni ( che, pure a costo di venire scambiato per un retrogrado, mi azzardo a definire ) borghesi.

frenc-core-short-mix-coved-pic

LOVE IS THE MESSAGE
Love IS the Message

Grazie a TeknoSurf per alcuni spunti nella redazione di questa storia, grazie a Wikipedia per l’inesauribile fonte di dati e di informazioni sull’argomento.

the Droid