Archivi tag: royston blake

Technoterra Mixtape Archive 1997/2001

Lost tapes brought back to life via digital conversion.

The analogical sound of vinyl before the advent of the array of new DJ technology innovations that almost made the human element at the control irrelevant. Not a matter of being sentimental here, but hey, how motivated were we?

Go hunting for the right records
spend some long hours crawling along the dustiest basements
flick through stacks upon stacks of vinyl
now go home and check your tunes out
fire up your equipment
drop your 1210's needles onto them groves......

Do some work beat matching, get physical on and around that mixer, flex and sway your limbs, be quick , be precise, work that body around so to get in the flow by building track upon track THAT perfect blend.

Here to follow a few LINKS to lead up to TECHNOTERRA’s own EDEEJAY profile where some of those lost moments ( having got recaptured and digitalised ) can, once again, be enjoyed, shared and danced to.


Technoterras’ Techno & Acid Archive recording #01
Old Skool Techno Vinyl blend – 21 November 2001.


Annunci

…a journey into Electronic Dance Music…

IMG_20180214_133535Beware Happy tracks in here span from all across the Electronic Dance Music spectrum, when i am out and want to hear a groove I like it best to vary in style, in the tempo and in the moods that it elicits too, if the kick drum, the bass line and the general texture of the sound offerings make me feel good, well that’s all I wish for myself in that particular moment. Same goes with DJ mixes I suppose, hence, such sequence came about. Recorded live on Web Radio ( AHDJS ), on a Saturday afternoon

ALL Time PUNK & HEAVY classics vol.1

sandy fist

Wow…il risveglio alle bellezze nascoste nella sterminata collezione di vinili del sottoscritto continua, continua grazie a tutta una serie di eventi che stanno spostando il baricentro delle mie azioni su versanti diversi da quelli entro i quali mi sono misurato e ( principalmente ) scontrato negli ultimi tempi.

Ecco allora che si realizza in studio una sequenza tutta chitarroni e pesantemente influenzata da sonorità classiche e care; qui si sentono classici e si ascoltano le parole di band come The Nuns, Adolescents, Nirvana, True Sound Of Liberty, The Zero BoysDag NastyHenry Rollins, Bad Brains, Rikk Agnew, ma anche di mostri sacri quali Cro-Mags, Motörhead, Slayer, charged GBH e Suicidal Tendencies.

Se conosci ” questa roba ” magari non l’avrai sentita da qualche anno, o forse te ne eri dimenticat* … il fatto è che suona ancora da paura, ti fa saltare da matti e ti fa PENSARE.

Trovo i contenuti delle liriche davvero coinvolgenti e autenticamente sentiti a livello emotivo da chi li esprimeva in maniera così ruvida e diretta trenta e passa anni fa’.

Non si tratta di nostalgia, mi piace pensare di essere tipo ben ancorato nel momento presente, quel che e’ stato  ( fortunatamente ) non ritorna, che non ci si illuda … chi c’era c’era … e molti di “noi” non ci sono più … scomparsi, smarriti, invischiati dalla vita, imborghesiti, rimbambiti … ma il materiale musicale presentato qui, vi assicuro,  è quanto di meglio ( tenendo conto che il mix in oggetto offre soltanto cinquanta minuti di musica ) l’ondata punk, hardcore, crossover heavy ebbe da produrre tra la fine degli anni settanta a quella degli anni ottanta.

Per il resto, fate voi.

 

A DJ blend constructed by carefully choosing tracks from my huge vinyl collection.
Here you will hear songs by The Nuns, Adolescents, Rikk Agnew, Nirvana, TSOL, Dag Nasty, Henry Rollins, Bad Brains, The Zero Boys as well as some heavy sacred monsters such as Cro-Mags, Motörhead, Slayer, charged GBH and Suicidal Tendencies.

These are all records that made me and a score of others “move” back in the day. Novelty is…they still do!!

3 Febbraio 2018 : oh jeez! Its tek-PUNKy time!

punky timesAGRI…che?? segui il LINK e scopri un mondo 😉

only speak English? Check this out and get in the know by scrolling the blog down to the required section

Sostieni il progetto  AGRIPUNK con una donazione QUI 

DONATE today to AGRIPUNK / SUSTAIN RESISTANCE 

FB event here // evento FB qui

LIVE @ AGRIPUNK COWpodanno 2018 Benefit Gig

https://www.edeejay.com/video/4816643/cowpodanno-2018-live-ambra-31-12-17/

This is a raw extract of TECHNOTERRA SOUNDSYSTEM 5 hours long DJ set to cover few kinds of electronic dance music, a sort of entry level type of musical journey put together and presented to a crowd unused to appreciate such sonorities.
Benefit night revealed to be a success beyond any expectations, everyone had a good time and we all had fun celebrating our oneness with the many non-human friends whom have found a safe haven and a shelter in this extraordinary place.
If you wish to know more on AGRIPUNK and on the philosophy of those activists whom struggle and work daily and selflessly so to provide for liberated farming animals please do follow the link :
https://technoterrasoundsystem.wordpress.com/2017/…
and find a brief text in english right at the bottom of our blog which is quite exhaustive on the project.

Thanks for your support and for the sharing
ROY

Untitled
Technoterra’s right shoulder tattoo speaks louder than words

Web Tek Event. Italia Centrale Oct.2017

http://radio.freeundergroundtekno.org

a definition of DUB by Royston Blake

Leonardo's Vitruvian

This is a DJ set by Royston Blake a.k.a. Technoterra which presents a music genre loved by many : DUB.

This particular type of sound grew out of the much more popular REGGAE in the sixties, although same is considered a sub-genre DUB music has developed narratives and sound qualities which extend beyond the scope of reggae.

The DUB sound consists predominantly of instrumental versions of other, better known, tracks and is obtained by a significant manipulation of those recordings, likewise vocals get a reshaping and downsizing treatment, components such as drums and bass pattern get emphasised other sound structures get dynamically changed through effects such as echo, reverb , panoramic delay, and other types of synthetic manipulations.

DUB is today considered a form of popular electronic music and many DJ’s worldwide contribute to it further consolidating as a successful source for their dance oriented, bass driven sequences.

 

 

Underground ?

Ci si promuove come si puo’ e come si riesce a fare.

Da queste parti si parla di UNDERGROUND e si organizzano eventi rifacendosi al discorso concettuale della produzione artistica e del cosiddetto intrattenimento alternativo, quello la quale motivazione non dovrebbe essere la notorietà, il denaro o il sentirsi dei fighi, ma l’affermazione duìi una idea, di un modus operandi, di un’essenza controculturale votata alla di rottura col presente, con lo status quo che omologa e che rimastica, sputandocele diritte in faccia, tutte le  idee e gli atteggiamenti che dal basso ( underground? ) si fanno spazio sgomitando in un panorama viziato da pratiche di natura mercantile e dagli ingannevoli contenuti, col cosiddetto MusicBiz,  fedele partner e accessorio collaudato del sistema capitalistico globale che ci opprime.

In un certo ambiente “underground” in tanti, in troppi, non sanno quello che fanno, non sanno cosa vogliono, si adattano e si accontentano. Pedine al servizio di un padrone.

 

IMG_20170924_172140
Un particolare angolo, abbastanza connotato, del nostro studio

Ci si sbatte per collegare un determinato tipo di pensiero e una modalità di passare all’atto artistico e organizzativo il quale  trascende le modalità operative accettate, lo spazio connotato, il club, la situazione pubblica pulita, sicura, comprensibile a tutti, l’adulterazione dei messaggi e delle sonorità che definiscono la musica Techno, quella veramente underground, quella che da sempre viene presentata dai grandi media come la pecorella nera dei generi musicali, la musica dei drogati e dei fuori di senno, una musica così connotata dalla volontà di sovvertire l’ordine delle cose che non propone neanche canzoni, ma tracce, attraversamenti, sottrazioni, una musica che propone un clima di incertezza e di possibilità.

IMG_20170924_172024
E e migliaia di vinili di così detti whitelabels, edizioni limitate a nostra disposizione, una miniera inesauribile di suoni e di idee per costruire i nostri set

Il nostro modo di lavorare coi suoni l’ abbiamo imparato dai grandissimi della prima scena rave europea,  personaggi come The Future Sound Of London, Jeff Mills ( suo periodo berlinese ), David Holmes, Terry Francis, Cari Lekebusch, The Black Dog, The Apex Twin attivarsi dinamicamente e con tremendo impeto, con determinazione intorno alle loro console, all’hardware che in quel momento diviene estensione della loro stessa persona, quale unico  veicolo di espressione di inquietudini, di quel desiderio di evasione, di quell’urgente necessità di rifondazione della realtà.

Questi producers sono degli illuminati.

IMG_20170924_172113
…e poi i CD, merce rara quelli nelle nostre teche, le musicassette, quale fonte migliore di ispirazione ?

Lo spettacolo qui non c’entra niente, è l’evento, il fatto, la presenza fisica e sonora nello spazio, una presenza che inonda e che pervade, che solleva e che impone una presa di coscienza, una riflessione sulla nostra vita e sui punti fermi che credevamo la sostenessero.
Disponiamo di una collezione infinita di vinili, musicassette, minidisc, cd e file digitali accumulate in tre decenni di attività, materiale che amiamo manipolare, sovrapporre, distorcere in studio, ecco le nostre tracce, nessuno altro ce le ha, e’ un calderone di toni e di sonorità digitali che non finiscono mai di offrire un ennesimo margine di re-invenzione all’operatore.

IMG_20170924_172201

Non prepariamo mai i nostri DJ set, dipende da chi c’e’, da come ci si sente, dall’atmosfera che si respira, da chi suona con noi….difficilmente lasciamo una singola traccia scorrere per piu’ di due tre minuti, il fluire delle sensazioni innescate dal sound, , in tempo reale, detta noi i tempi, i tagli, la compressione, gli effetti  da applicare, l’atmosfera determina l’esito finale che straripa dalle casse, che ci colpisce, che ci da ulteriore spunto.

Unico protagonista: il contesto. Non il DJ, non gli organizzatori, e nemmeno il numero delle persone presenti, e’ il contesto, il contesto che crea.

 

IMG_20170924_172230
Chi si ricorda dei minidisc e del tipo di suono caldo, molto simile a quello del vinile, che questa particolare modalità di registrazione digitale produce?

Trascorriamo tanto tempo in studio ad ascoltare vecchie tracce, a registrarle e a etichettarle, a digitalizzarle rendendole gestibili e rintracciabili nel marasma del nostro Mac, plasmabili dal software in uso, ce le ritroviamo sotto gli occhi quando servono veramente.

Non e’ mai un caso.

IMG_20170924_172658

Il nostro stile e’ quello di lasciare accadere le cose, la programmazione, la preparazione formale alla performance  inficia il senso di cio’ che stiamo facendo, cavalcando e imbrigliando la creatività, assoggettandone l’essenza al già sentito, al già fatto, alla noia mortale che invece vogliamo combattere, estirpare.

Ecco perché crediamo, come il buon Pade di Karontek sostiene, che “noi” siamo differenti, che facciamo quello che facciamo non soltanto per noi stessi, per l’amore della scena, perché’ vorremmo si consolidasse e divenisse maggiormente florida, lo facciamo per nutrire ( ainoi ) l’illusione che con tali agiti si riesca davvero ad arrivare alla gente, a far smuovere dal torpore della normalità quelli tra loro che hanno capito che aderire ai canoni di questa società malata ci spegne lentamente, ci trasforma in animali sociali docili e obbedienti, ci contamina e ci costringe a vivere una esistenza incompleta.

In questo senso la musica Techno e’ antidoto, e’ trattamento riabilitativo ad esistere, ad evolvere, a rappresentare e rappresentarci criticamente quello che la realtà ci sbatte contro ogni giorno, a mettere in discussione cio’ che altrimenti è ( e continuerà ad essere ) soltanto un inganno, una ripetizione, un eterno divenire che conduce a….niente.

Ci piace pensare di essere liberi e selvaggi, ma forse è soltanto presunzione.

Forse.

by The Droid

our latest effort here

21908621_1922138791442039_84743535_o

ALBINIA AT NIGHT

 …warm up session with Karontek Soundsystem 18 Agosto 2017 as well as exclusive MiX to www.afterhoursdjs.org our main live mixing outlet 😉 SUPPORT AHDJS! TUNE IN everyday here : http://www.ahdjs.net/listen ALSO do pay a visit to our BLOG :
https://technoterrasoundsystem.wordpress.com support the free party scene // never will we pay to dance #TECHNOTERRA …

Digital Roots, Dubtown Soundsystem etc.

http://www.mix.dj/video/4813732/dubbing-roots/

State tornando dal mare come tutte le domeniche, in balia di vento, onde, sole e acqua salata, distrutti dalla settimana ed in procinto di cominciarne una nuova, chi a lavoro, chi a giro.
Quale sarebbe l’unica cosa che vi farebbe essere almeno un pò felici nonostante la domenica stia per terminare?

20597318_1898981267091125_6386110672602655995_n
AMICI MIEI VOL.1 porta a Civitella indie, rock, metal, reggae, dub, pop, punk accompagnato da ottimi cocktail, cibo, la ormai nota simpatia dei biscazzieri, e tanta voglia di ricominciare la settimana.

20479566_1877396335618794_7525651006489375219_n