WitchTEK 2017 ( South Central region -ITA ) F.R.E.E. party

This is an edited version of the live mix played at the Sulmona’s FREE tek event held at the end of October 2017.

22861612_1941873312801920_169130836237110423_o

Party was extremely well attended and run without major hiccups.

There is a large movement of sound systems in Italy which are networking towards setting up parties in a free manner, empty warehouses get occupied temporarily, pieces of land in the countryside grabbed and made into citadels of illegality for a night or two.

Unfortunately there’s a lot of prejudice around this type of direct action originated, self made social events; newscasters tend to demonise such practices and to instigate the police so to intervene, to stop proceedings and to confiscate equipment.

Normally events such as these end up as intended without causing any harm nor damages to anyone, other times due to police action and/or gang infiltrations we may witness some very despicable occurrences which they all but reinforce the bad notoriety surrounding the free tekno scene in this country.

end of party

Sun is shining! Time to deal with our tired souls and with a more contingent kind of need: disassembling tons of equipment and it made it back home safely. Cool innit??

On a more personal level, what I enjoy the most in this kind of things is the fact that no money change hands in order for ALL to participate and to have fun, free music for all…thats what i like the most.

Also, the grade of determination with which everyone involved into organising these parties manage to resolve the most difficult, intricate situations acts as a potent impulse into investing, in a major renewed way, in terms of energy and in terms of reciprocal trust/respect, into creating reliable relations, into the desire of meeting new people, into the act of growing to a more informed, competent persons so as to continue in setting up pace towards my own goals , both on the creative, the ethical and on the political spectrum too.

Long live FREE TEKNO PARTIES then … as … LOVE being the sole message ❤

22861691_1941867269469191_3566558040989559938_o.jpg

there’s always a lot of work that need doing the whole time: finding a suitable location, securing the location, organising the Bar, making everything to work finely on the technical side, mounting/un-mounting equipment, playing your DJ set/live P.A., managing NOT to get arrested!!! but hey…you know what? IT  DOES always WORTH MY WHILE!

 

Annunci

Dalle Stalle alle Stelle 31 Dicembre 2017 BENEFIT per AGRIpunk

22791891_686914748172888_1262853157243574725_o

AgriPunk e’ un gruppo nato con lo scopo di far chiudere un allevamento intensivo di tacchini.
Dopo esserci riusciti, ci siamo mobilitati per impedirne la riapertura.
Per trasformare il tutto in rifugio per animali umani e non, senza distinzione alcuna, ed azienda agricola informale

AgriPunk è un rifugio per animali di qualunque specie nato quindi dalla riconversione di ex allevamento intensivo.

AgriPunk Onlus è un’associazione senza scopo di lucro per la tutela e la salvaguardia della natura e dell’ambiente.
Nostro scopo è dare soccorso ad animali al di là di qualsiasi definizione prestabilita e dar loro la possibilità di vivere come meglio scelgono di farlo,bonificare l’area del Podere dall’inquinamento perpretrato in tutti questi anni, tutelare il bosco, i corsi d’acqua e le sorgenti, proteggere e dare rifugio ad animali selvatici avendo creato un’area libera dalla caccia, restaurare gli stabili interni al Podere creando una “comunità” che vive in maniera il più possibile sostenibile, cercando di aiutare persone in difficoltà, realizzando un’agricoltura sostenibile-biodinamica-sinergica-selvatica, recuperando sementi e piante antiche e tradizionali, creando laboratori di artigianato.

Their YouTube channel
Their Blog 

Direct Land Line info : Call 055 996946

E-MAIL : agripunkonlus@gmail.com

If you wish to lend a hand to the sustainability of AgriPUNK and unable to attend the event of the 31st of December you can still help with a donation // Se desideri contribuire al progetto AGRIpunk e non puoi partecipare all’evento del 31 Dicembre ecco come fare :

Per donazioni // Donations to support the Project
Conto Banca Etica n°216509
Intestatario Agripunk Onlus
IBAN IT47 C050 1802 8000 0000 0216 509
Causale: erogazione liberale

AgriPunk is a group of people that got together in 2013 so to make  an intensive turkey’s farm to shut down ….. and to remain SHUT.

After succeeding in the project the group managed to turn the area into a sanctuary capable to accommodate, without any distinction, all animals that needed shelter, human animals included, the latter began to work the grounds around the area with the aim of founding an agricultural firm of an informal kind.

The group turned into a Charity and committed themselves, through they action, to the tutelage of Nature and the Environment.

They continue to be involved with the project of providing a safe heaven to all animals irrespectively to the “category” they are supposed to belong according to human institutions.

In their scale of priority the tutelage of the land, the rivers, the woods, the springs and the whole natural territory  that surrounds the oasi’s location so to facilitate and expand their capability let alone to provide for their new guests but also to create the conditions for their inter-specific community to sustain themselves producing food in a  biodynamic mode of working the land in a synergic type of engagement with all the natural processes that, by default, regulate a sane environment.

Other areas of interest for the group lays in and around the acts of enhancing craftsmanship, of providing shelter and opportunities for people who find themselves in difficulty, of promoting  traditional, clean agricultural methods  for planting seeds and producing food.

 

Web Tek Event. Italia Centrale Oct.2017

http://radio.freeundergroundtekno.org

a definition of DUB by Royston Blake

Leonardo's Vitruvian

This is a DJ set by Royston Blake a.k.a. Technoterra which presents a music genre loved by many : DUB.

This particular type of sound grew out of the much more popular REGGAE in the sixties, although same is considered a sub-genre DUB music has developed narratives and sound qualities which extend beyond the scope of reggae.

The DUB sound consists predominantly of instrumental versions of other, better known, tracks and is obtained by a significant manipulation of those recordings, likewise vocals get a reshaping and downsizing treatment, components such as drums and bass pattern get emphasised other sound structures get dynamically changed through effects such as echo, reverb , panoramic delay, and other types of synthetic manipulations.

DUB is today considered a form of popular electronic music and many DJ’s worldwide contribute to it further consolidating as a successful source for their dance oriented, bass driven sequences.

 

 

Underground ?

Ci si promuove come si puo’ e come si riesce a fare.

Da queste parti si parla di UNDERGROUND e si organizzano eventi rifacendosi al discorso concettuale della produzione artistica e del cosiddetto intrattenimento alternativo, quello la quale motivazione non dovrebbe essere la notorietà, il denaro o il sentirsi dei fighi, ma l’affermazione duìi una idea, di un modus operandi, di un’essenza controculturale votata alla di rottura col presente, con lo status quo che omologa e che rimastica, sputandocele diritte in faccia, tutte le  idee e gli atteggiamenti che dal basso ( underground? ) si fanno spazio sgomitando in un panorama viziato da pratiche di natura mercantile e dagli ingannevoli contenuti, col cosiddetto MusicBiz,  fedele partner e accessorio collaudato del sistema capitalistico globale che ci opprime.

In un certo ambiente “underground” in tanti, in troppi, non sanno quello che fanno, non sanno cosa vogliono, si adattano e si accontentano. Pedine al servizio di un padrone.

 

IMG_20170924_172140

Un particolare angolo, abbastanza connotato, del nostro studio

Ci si sbatte per collegare un determinato tipo di pensiero e una modalità di passare all’atto artistico e organizzativo il quale  trascende le modalità operative accettate, lo spazio connotato, il club, la situazione pubblica pulita, sicura, comprensibile a tutti, l’adulterazione dei messaggi e delle sonorità che definiscono la musica Techno, quella veramente underground, quella che da sempre viene presentata dai grandi media come la pecorella nera dei generi musicali, la musica dei drogati e dei fuori di senno, una musica così connotata dalla volontà di sovvertire l’ordine delle cose che non propone neanche canzoni, ma tracce, attraversamenti, sottrazioni, una musica che propone un clima di incertezza e di possibilità.

IMG_20170924_172024

E e migliaia di vinili di così detti whitelabels, edizioni limitate a nostra disposizione, una miniera inesauribile di suoni e di idee per costruire i nostri set

Il nostro modo di lavorare coi suoni l’ abbiamo imparato dai grandissimi della prima scena rave europea,  personaggi come The Future Sound Of London, Jeff Mills ( suo periodo berlinese ), David Holmes, Terry Francis, Cari Lekebusch, The Black Dog, The Apex Twin attivarsi dinamicamente e con tremendo impeto, con determinazione intorno alle loro console, all’hardware che in quel momento diviene estensione della loro stessa persona, quale unico  veicolo di espressione di inquietudini, di quel desiderio di evasione, di quell’urgente necessità di rifondazione della realtà.

Questi producers sono degli illuminati.

IMG_20170924_172113

…e poi i CD, merce rara quelli nelle nostre teche, le musicassette, quale fonte migliore di ispirazione ?

Lo spettacolo qui non c’entra niente, è l’evento, il fatto, la presenza fisica e sonora nello spazio, una presenza che inonda e che pervade, che solleva e che impone una presa di coscienza, una riflessione sulla nostra vita e sui punti fermi che credevamo la sostenessero.
Disponiamo di una collezione infinita di vinili, musicassette, minidisc, cd e file digitali accumulate in tre decenni di attività, materiale che amiamo manipolare, sovrapporre, distorcere in studio, ecco le nostre tracce, nessuno altro ce le ha, e’ un calderone di toni e di sonorità digitali che non finiscono mai di offrire un ennesimo margine di re-invenzione all’operatore.

IMG_20170924_172201

Non prepariamo mai i nostri DJ set, dipende da chi c’e’, da come ci si sente, dall’atmosfera che si respira, da chi suona con noi….difficilmente lasciamo una singola traccia scorrere per piu’ di due tre minuti, il fluire delle sensazioni innescate dal sound, , in tempo reale, detta noi i tempi, i tagli, la compressione, gli effetti  da applicare, l’atmosfera determina l’esito finale che straripa dalle casse, che ci colpisce, che ci da ulteriore spunto.

Unico protagonista: il contesto. Non il DJ, non gli organizzatori, e nemmeno il numero delle persone presenti, e’ il contesto, il contesto che crea.

 

IMG_20170924_172230

Chi si ricorda dei minidisc e del tipo di suono caldo, molto simile a quello del vinile, che questa particolare modalità di registrazione digitale produce?

Trascorriamo tanto tempo in studio ad ascoltare vecchie tracce, a registrarle e a etichettarle, a digitalizzarle rendendole gestibili e rintracciabili nel marasma del nostro Mac, plasmabili dal software in uso, ce le ritroviamo sotto gli occhi quando servono veramente.

Non e’ mai un caso.

IMG_20170924_172658

Il nostro stile e’ quello di lasciare accadere le cose, la programmazione, la preparazione formale alla performance  inficia il senso di cio’ che stiamo facendo, cavalcando e imbrigliando la creatività, assoggettandone l’essenza al già sentito, al già fatto, alla noia mortale che invece vogliamo combattere, estirpare.

Ecco perché crediamo, come il buon Pade di Karontek sostiene, che “noi” siamo differenti, che facciamo quello che facciamo non soltanto per noi stessi, per l’amore della scena, perché’ vorremmo si consolidasse e divenisse maggiormente florida, lo facciamo per nutrire ( ainoi ) l’illusione che con tali agiti si riesca davvero ad arrivare alla gente, a far smuovere dal torpore della normalità quelli tra loro che hanno capito che aderire ai canoni di questa società malata ci spegne lentamente, ci trasforma in animali sociali docili e obbedienti, ci contamina e ci costringe a vivere una esistenza incompleta.

In questo senso la musica Techno e’ antidoto, e’ trattamento riabilitativo ad esistere, ad evolvere, a rappresentare e rappresentarci criticamente quello che la realtà ci sbatte contro ogni giorno, a mettere in discussione cio’ che altrimenti è ( e continuerà ad essere ) soltanto un inganno, una ripetizione, un eterno divenire che conduce a….niente.

Ci piace pensare di essere liberi e selvaggi, ma forse è soltanto presunzione.

Forse.

by The Droid

our latest effort here

21908621_1922138791442039_84743535_o

Royston Blake Vs The DubWaiser

alfuomo

Dal vivo TECHNOTERRA SOUNDSYSTEM resident RoystoN BlakE ( EDM a 360 gradi ) passa il testimone sonoro al DUBWAISER ( tekno, raggatek ) and his very own DUBTOWN SOUNDSYSTEM raggaTEK offers

-over one hour and a half of free partying A C T I O N ! ! Roccastrada, Grosseto, Italy.

follow us :: https://technoterrasoundsystem.wordpress.com
and/or find our mixes on line on a variety of portals, including’ the best of them all ever, a real DJ Social Network, revamped and relaunched
eDEEJAY.com

– check our weekly mon/wed/fri WEB radio show here :
http://www.afterhoursdjs.org -on at 2PM EST // 8PM CET

and/or DownloaD the APP for the station on Android powered handle devices https://play.google.com/store/apps/details?id=org….
so to listen on the fly as one pleases a “few bars” of electronic dance music…of the U
ndergrounD type Smile E.N.J.O.Y the blends, live raw its direct Happy

As some pretty weird characters dwell in and around our floors, at circa 48 minutes into the session an incredibly drunk girl pushed me off the console and decided to throw in a few loops, improvising the whole thing by the end result! The whole thing sounds disconnected to us, but,as we are fond of maintaining authenticity and variety in human behaviour we decided not to edit those attempts by Gaia ( yes, thats the young raver name ) off the miX. It does sound like you’re in there with us. Thanks for your support if u like it Hard, if you enjoy the techno Happy